Il termine “clinico” deriva dal greco “cliné” (letto) e rimanda a “tutto ciò dove l’uomo può appoggiarsi, distendersi”. Quando parliamo di psicologia clinica, quindi, facciamo riferimento al “prendersi cura di” una persona che è portatrice di un disagio.

La psicologia clinica analizza, infatti, le problematiche psichiche e comportamentali dell’individuo.

Questo vuol dire che si occupa di difficoltà di adattamento, di disturbi del comportamento, di stati e condizioni di malessere e sofferenza, al fine di valutarli e prendersene cura.

L’obiettivo è quello di facilitare e sostenere il benessere e lo sviluppo cognitivo, emotivo e relazionale delle persone.

Lo psicologo clinico conosce il funzionamento psichico dell’individuo e svolge attività di prevenzione, valutazione, trattamento e cura.

Può rivolgersi allo psicologo clinico sia il singolo individuo, che la coppia o la famiglia.

Le principali problematiche per cui si può richiedere un intervento psicologico sono:

  • disturbi d’ansia
  • disturbi ossessivo-compulsivi
  • disturbo post-traumatico da stress
  • fobie specifiche
  • disturbi dell’alimentazione
  • disturbi di personalità
  • disturbi dell’umore
  • dipendenze

La psicologia clinica non è utile solo per affrontare i disturbi psicologici, ma anche per sostenere la persona in momenti difficili della sua vita, nel prendere decisioni vissute come complicate, nella gestione del rapporto con gli altri.

Lo psicologo clinico, occupandosi di sofferenza, di problemi, di psicopatologia, interviene per favorire il cambiamento. Il suo intervento parte dalla domanda di chi gli chiede aiuto. Strumento fondamentale è la relazione che si instaura tra psicologo e paziente/utente. Per questa ragione il colloquio riveste un’importanza cruciale nel lavoro clinico.

Andiamo ora ad accennare  alle diverse tecniche utilizzate dai nostri professionisti per rispondere in maniera efficace e personalizzata alle possibili domande di aiuto. In questo modo ognuno potrà trovare uno “spazio di lavoro” adatto alle proprie caratteristiche e alle proprie difficoltà. È comprensibile che non tutti siano in grado di capire da subito quale sia la metodologia più adatta al proprio caso, per questo sono anche previste delle consulenze preliminari di orientamento.

Le metodologie d’intervento spaziano dalle tecniche per favorire il processo di apprendimento e di crescita individuale, come il coaching (allenamento) e il counseling(consultazione), alle metodiche per problematiche specifiche, come la mediazione familiare, le consulenze legali e la terapia sessuologica, il cuore della nostra attività è la psicoterapia, che costituisce il percorso che analizza più in profondità i vari aspetti di ogni individuo